Home » AMERICA » Nicaragua: come raggiungere Little Corn Island senza prendere aerei

Nicaragua: come raggiungere Little Corn Island senza prendere aerei

Nicaragua: come raggiungere Little Corn Island senza prendere aerei

Se siete diretti in Nicaragua e avete deciso di raggiungere Little Corn Island via terra e per mare, preparatevi a quello che potrebbe trasformarsi, non solo in una grande avventura ma, complice il tempo, in una vera e propria odissea!

Corn Islands

Little Corn Island – Otto Beach

Little Corn Island, un piccolo pezzo di paradiso circondato dal Mare dei Caraibi, fuori dagli itinerari turistici più battuti e difficile da raggiungere: non è forse questo che rende un posto magico e speciale?

Le Isole del Mais

Ancora adesso mi chiedo perché si chiamino isole del mais quando di questa pianta, in verità, non se ne vede neanche l’ombra. Cocco e crostacei, in particolare l’aragosta, sono questi i beni più preziosi che negli anni hanno contribuito al sostentamento economico della popolazione locale di questi due piccoli mondi lontani, situati 70 chilometri ad est della costa caraibica nicaraguense.

Corn Islands

La stagione della pesca delle aragoste nel mese di marzo giunge quasi al termine

Due isole talmente piccole – Big Corn e Little Corn – che sull’atlante geografico si fa quasi fatica a vederle ma talmente ricche di bellezze naturali da non poterle assolutamente tralasciare. Allora perché aspettare?

Al giorno d’oggi esistono quasi sempre due modi per raggiungere un luogo: c’è quello più facile e costoso e quello più difficile ed economico. Il migliore, si sa, è sempre il secondo: le cose conquistate con fatica hanno un sapore molto più intenso rispetto a quelle ottenute senza sforzi.

Primo passo: Partenza da Managua

Esiste soltanto una compagnia che gestisce il servizio di trasporto espresso dalla capitale a El Rama – l’ultimo avamposto dove termina la strada diretta verso la costa caraibica – e che da lì, collega i passeggeri a Bluefield per mezzo di lance rapide. Si tratta del Transporte Wendelyn Vargas (505-22532879), in partenza dal Terminal Costa Atlantica presso il Mercado Ivan Montenegro di Managua. Tenendo conto che al momento il servizio di collegamento via mare con le Corn Island è in partenza da Bluefield soltanto il mercoledì, una volta decisa la settimana che vi è più comoda, vi converrà alzare il telefono e prenotare i posti a sedere sull’autobus in partenza il martedì, facendolo con qualche giorno di anticipo. Una volta segnati i vostri nomi nella lista dei passeggeri vi verrà chiesto di passare a saldare il conto entro le ore 17 del lunedì precedente.

Corn Islands

Orari di partenza, costi e contatti

Avete due possibilità: viaggiare di giorno o viaggiare di notte. Trattandosi di un tragitto di circa 5 ore il mio suggerimento è che lo facciate di giorno e questo per più motivi: per non perdervi la vista dal finestrino, per evitare di essere scaricati a El Rama alle 3 di notte e di dover aspettare tre ore prima di imbarcarvi sulla prima panga, per non passare quindi una notte insonne, perché alle 6 del mattino le temperature sono più basse e le due ore di lancia potrebbero essere meno piacevoli, ma soprattutto perché dopo una nottataccia, non vorreste mai ritrovarvi catapultati su una nave in mezzo al mare, tenendo conto che, se questo fosse mosso, sarà già di per sé un’esperienza talmente traumatizzante da richiedere il massimo delle vostre forze! Qualora decideste di viaggiare di notte, fossi in voi prevederei comunque un giorno di riposo a Bluefield, partendo quindi da Managua il lunedì sera.

Prenotare la lancia insieme al passaggio in autobus è fondamentale e questo implica il fatto che sia comunque preferibile optare per la compagnia Vargas piuttosto che per qualunque autobus ordinario in partenza dal Terminal Mayoreo: credetemi, ho incontrato turisti che, arrivati a El Rama, hanno dovuto aspettare la lancia successiva per mancanza di posti, con il rischio di perdere la connessione via mare e di rimanere bloccati a Bluefield per svariati giorni. Se avete problemi di tempo, questo sconvolgerebbe decisamente i vostri piani. In aggiunta, i pullman ordinari, fermando lungo la strada per far salire e scendere passeggeri, impiegano molto più tempo (7/9 ore), cosa che certo non vale il risparmio di sole 20 Cordobas (meno di 1 euro) rispetto al pullman espresso.

Una volta arrivati a El Rama, scendete in fretta dal pullman e fiondatevi immediatamente nell’ufficio di registrazione dei passaggeri diretti in lancia. Vi verrà assegnato un numero che corrisponde all’ordine di imbarco: panga 1, panga 2, panga 3…la cui qualità certamente va peggiorando in base all’ordine. Tanto per capirci, se la prima lancia è munita di un tettuccio protettivo e la seconda forse, la terza è quasi certo che non ce l’abbia e questo, credetemi, fa la differenza in caso di pioggia o di sole cocente.

Secondo passo: Bluefields e la traversata via mare

Bluefields non è che sia tutto questo gran che ma costituisce di certo l’opzione più piacevole per spezzare il vostro viaggio da Managua alle Corn Island, permettendovi inoltre di fare scorta di cibo qualora il vostro obiettivo fosse quello di risparmiare al massimo e, una volta arrivati sulle isole, usufruire quindi della cucina in ostello per farvi da mangiare. La cittadina è un grande mercato, uno snodo fondamentale per i traffici marittimi e, nonostante per il momento sia raggiungibile ancora solo via fiume, i lavori per la costruzione di una strada che la collega a El Rama sembrano andare piuttosto veloci e si prevede che già dal 2018 sarà possibile raggiungerla in pullman direttamente da Managua.

In quanto all’alloggio vi suggerisco l’Hostal Doña Vero, pulito ed economico (300 C. per una stanza con bagno in comune, 500 C. con bagno privato).

Quando ho deciso di scrivere questo articolo avevo già bene in mente quello di cui vi avrei parlato trattando della traversata via mare da Bluefield a Big Corn Island. Il mio consiglio sarebbe stato certamente quello di optare per la mitica nave mercantile Capitan D - forse poco puntuale ma di sicuro stabile e spaziosa – piuttosto che per la famigerata Rio Escondido, la quale in condizioni di mare mosso ha messo a dura prova anche gli stomaci più resistenti. Ahimè questo però non lo posso più fare perché, secondo notizie recenti  il Capitan D, in seguito ad uno scontro con un mercantile più grande, sarebbe affondato tragicamente nelle acque del fiume che collega El Rama a Bluefield. Povera cara vecchia nave…la porterò per sempre nei miei ricordi sapendo di essere stata una delle ultime persone che ha avuto l’onore di salirci a bordo! 

Corn Islands

Il mitico Capitan D – R.I.P. :-(

A malincuore quindi vi dico che per il momento l’unico trasporto certo da Bluefield a Big Corn Island rimane la Rio Escondido, una bagnarola di pochi metri sulla quale vi converrà accaparrarvi non solo un posto all’ombra, per evitarvi un colpo di sole, ma anche un posto con vista all’esterno, per cercare di mantenere lo sguardo fisso sull’orizzonte, fosse l’unico modo che avete per evitarvi il voltastomaco in caso di mare grosso. La partenza è prevista il mercoledì alle ore 9 ma cercate di arrivare in biglietteria con almeno due ore di anticipo per assicurarvi il posto. Il costo è di 255 C. e il ritorno da Big Corn Island a Bluefield è previsto il giovedì, sempre alle 9. La traversata in condizioni di mare calmo ha una durata di circa 5 ore; in caso di mare mosso…auguri! :-)

Corn Islands

Probabilmente appostandovi al porto potreste anche venire a sapere di qualche altra nave mercantile diretta a Corn Island ma sui giorni di partenza e sugli orari non vi è certezza. Prima di arrivare fate una telefonata all’Istituto del Turismo Nicaraguense (INTUR) di Bluefield – (505)-25720221 – per avere informazioni aggiornate a riguardo. Nella speranza comunque che la famiglia del Captan D possa riprendersi dalla tragedia vi lascio anche il loro contatto: Transporte Acuatico Norman Downs (505)-88502767/68 – 89026846. Non si sa mai che, determinate le cause dell’incidente e quindi il responsabile dell’accaduto, possano tornare in mare con una nuova nave.

Le lance da Big a Little Corn Island sono previste in partenza alle 10 e alle 16 ma durante i periodi di grande affluenza, quando vengono raddoppiate, la prima è in uscita già alle 9. Per quella del mattino cercate quindi di essere al porto per le ore 8 e se possibile munitevi di uno o due sacchetti di plastica. Avete mai preso una lancia in mare aperto? Immaginerete bene che la situazione sia molto diversa rispetto a quella di prendere una lancia su un fiume placido: in caso di mare mosso aspettatevi infatti di uscirne mezzi fradici e, con voi, il vostro zaino. Mentre il bagaglio grosso viene messo però nella stiva sotto la prua della nave (ma non è detto che ci sia posto per tutti), il bagaglio a mano che vi porterete dietro sarà infatti completamente a rischio. Se non avete una sacca stagna o delle borse impermeabili fate in modo di recuperare dei sacchetti di plastica – quelli spessi per la spazzatura – quando siete ancora a Bluefield. Il costo per il passaggio di sola andata è di 145 C., la durata del tragitto di circa 25 minuti. Al ritorno gli orari previsti sono alle 6.30 e alle 13.30 e se avete deciso di rientrare in aereo sarà meglio che vi facciate trovare a Big Corn Island già il giorno prima, onde evitare di perderlo.

La compagnia che effettua servizio aereo tra Big Corn e Managua è la simpatica Costeña: tranquilli, sui loro aerei vi sentirete come su un chicken bus con un autista impazzito! :-) I biglietti sono acquistabili direttamente online ed hanno un costo che varia in base alla stagione ma comunque sempre più caro rispetto a quello che spendereste viaggiando via terra. All’aeroporto vi verrà richiesto il pagamento di una tassa del valore di 60 C. (2 euro). Fate attenzione alle restrizioni che riguardano il peso del bagaglio!

Corn Islands

Big Corn Island

Senza ombra di dubbio la spiaggia più bella su Big Corn Island è quella di South West Bay. I taxi sull’isola chiedono 20 C. per qualunque distanza, che sia di tre minuti o che faccia il giro completo dell’isola per cui spostarsi non risulta assolutamente difficile né dispendioso. La superficie dell’isola è di 10 km2 ed è visitabile tranquillamente anche solo in una giornata. L’Hotel G&G, a pochi passi dall’aeroporto e dal molo, è una sistemazione ideale vicino alla quale troverete diverse soluzioni economiche per mangiare. Se avete deciso di passare la giornata in spiaggia potete fare base al Picnic Centre.

Corn Islands

South West Bay – Tratto di spiaggia di fronte al Picnic Centre

Corn Islands

Tratto di costa nella zona di Sally Peachy

Corn Islands

Aspettando l’autobus verso Long Bay

Corn Islands

Case tradizionali in legno con vista porto

Corn Islands

Tramonto su Big Corn Island

Little Corn Island

Ah Little Corn Island, quanto mi manchi! 2,9 km2 di paradiso dove non esistono né macchine né moto, al massimo qualche bicicletta, dove le vostre giornate trascorreranno lente tra un bagno nelle acque cristalline, un pisolino sulla spiaggia all’ombra delle palme e un magico tramonto e dove, perché no, potrete addirittura dedicarvi a fare indigestione di aragoste. Che meraviglia…più ci penso e più vorrei tornarci subito. Sfido chiunque, una volta arrivato fin lì, a volersene andare prima di almeno una settimana!

Corn Islands

Sentiero verso Otto Beach

La maggior parte delle sistemazioni sull’isola sono concentrate dalla parte del molo ed è proprio lì che vi suggerisco di alloggiare, sia per rimanere vicino ai supermercatini e ai ristoranti, sia perché da lì potrete raggiungere facilmente qualunque spiaggia. Per via delle correnti il mare più bello e le spiagge più pulite le troverete nel nord dell’isola, oltre il campo da baseball e in prossimità dell’Hotel Yemaya ma non sono niente male neanche quelle che si estendono a sud est, nei pressi di Grace’s Cool Spot.

Corn Islands

La casa più bella dell’isola lungo il sentiero che conduce a nord

Corn Islands

Il mare di fronte all’Hotel Yemaya

Corn Islands

Sole, acqua cristallina e palme

Per quanto riguarda il mangiare da non perdere assolutamente le delizie della Bagel House, letteralmente la casa di un’australiana che ogni giorno sforna bagel freschi, quiche di verdura e muffins da sballo. La trovate sulla stradina sterrata che dal Dive Shop del villaggio risale verso l’entroterra.

Per le vostre cene, se volete spendere poco, cercate invece posto da El Bosque o da Rosa’s, entrambi situati sul sentiero che dal villaggio porta verso Casa Iguana e Grace’s Place. I prezzi sull’isola sono ovviamente più alti che sulla terra ferma ma se pensate di poter mangiare l’aragosta con meno di 10 euro allora tutto vi sembrerà più economico.

Corn Islands

Bagel House…da non perdere!

Nonostante i letti non fossero esattamente tra i più comodi mai incontrati, devo ammettere che il Green House Hostel non è stato niente male come rapporto qualità/prezzo. Lì nel villaggio comunque ne troverete tanti altri e la media per un letto in dormitorio è di circa 12/15$ a notte. L’elettricità sull’isola viene diffusa tramite generatore per cui fate conto di non averla dalle 6 del mattino alle 14 circa. Su Little Corn non ci sono inoltre sportelli bancomat ma spesso l’ostello può essere prenotato e pagato direttamente online.

Corn Islands

Tramonto su Little Corn Island

Che dire ragazzi, per me Little Corn Island – senza togliere nulla alla Big – ha costituito una piccola dolce parentesi in questo lungo viaggio attraverso il Centro America ed è forse il posto che più mi manca adesso che, rientrata in Italia, passo le mie giornate a lavorare senza sosta. Se chiudo gli occhi ancora mi sembra di essere lì e sono certa che chiunque proverebbe lo stesso dopo aver visto un paradiso del genere!

Tags :
Previous post link
Next post link

About Sonia Sgarella

Viaggiatrice. Determinata a far conoscere il mondo agli altri con passione ed entusiasmo, dedicando impegno, ricerca e studio ai luoghi che più ama.

2 Comments

  1. Bell’articolo, chiaro e scritto bene!

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Scroll To Top