Home » ASIA » Poon Hill Trek: il mio itinerario di cinque giorni

Poon Hill Trek: il mio itinerario di cinque giorni

Poon Hill Trek: il mio itinerario di cinque giorni

“Esiste un solo percorso sensato per svolgere questo itinerario” – provava a convincermi la mia guida prima di intraprendere il cammino – “ed è quello che segue l’andamento orario”. Le agenzie che suggeriscono il percorso inverso – sosteneva – sono gestite da persone che questo itinerario l’hanno seguito soltanto con un dito puntato sulla cartina, con il culo comodo e al caldo dei loro uffici di Pokhara e Kathmandu.

(Apro una prima parentesi: lavoro come guida e sapevo benissimo di cosa parlasse Raj: di mission impossible propinate ai clienti da impiegati d’agenzia che vendono l’ignoto ne ho viste a milioni. Fidatevi sempre di più di chi sulla strada ci vive, che siano guide, accompagnatori o autisti! Chiusa prima parentesi). 

Con il senno di poi posso dire che Raj aveva perfettamente ragione. Il motivo? Perché rendere più difficile quello che già richiede un bello sforzo? Se avete scelto il trekking a Poon Hill è probabile che lo abbiate fatto perché catalogato come uno dei trekking più brevi, più belli e più facili nella regione dell’Annapurna. Svolgere il percorso in senso antiorario lo renderebbe molto più impegnativo di quello che vi aspettate, a tratti scoraggiante per via delle infinite e ripide scalinate di cui non ne vedrete mai la fine, uno sforzo inutile ed evitabile.

Partire da Nayapul e concludere il circuito a Phedi è l’opzione migliore per questo itinerario: cinque giorni e quattro notti, la durata necessaria per coprire tutti i punti che mi sono stati suggeriti da persone incontrate nei giorni di viaggio precedenti, tra cui Poon Hill certamente ma anche l’Australian Camp.

Per info sul come organizzarvi e cosa portare con voi leggete l’articolo Trekking in Nepal: tutto quello che c’è da sapere. Qui mi limito semplicemente a parlarvi del mio itinerario nel dettaglio perché possiate prendere spunto riguardo alle tempistiche di spostamento, al costo e agli alloggi.

Giorno 1: Da Pokhara a Banthanti 

Un Taxi da Pokhara impiega circa un’ora e un quarto per arrivare a Nayapul che è il punto di partenza del trekking a Poon Hill. Il costo è di circa 2.000 rupie ed è sicuramente una soluzione più comoda e veloce rispetto all’autobus pubblico. Nayapul, nient’altro che un polveroso/fangoso bazar ai margini della strada per Baglung, costituisce il punto di passaggio obbligato per tutti gli escursionisti diretti a Birethanti (1.000 m.) che non si siano organizzati con un 4×4.

Seguendo la strada carrozzabile sterrata ci si impiegano soltanto 20 minuti per arrivare a questo crocevia - thanti significa “punto di sosta” – dove al banchetto di controllo dell’ACAP (Annapurna Conservation Area Project) dovrete mostrare i vostri permessi.

Qui le strade si dividono: una che seguendo il corso del Modi Khola, verso destra, conduce a Ghandruk, l’altra che seguendo il corso del Bhurungdi Khola, verso sinistra, conduce ad Ulleri e da lì prosegue per Ghorepani. Se siete partiti da Pokhara intorno alle 7, dovreste trovarvi in questo punto più o meno alle 9.30.

Poon Hill Trek

La mia prima giornata di trekking, cominciata circa a quell’ora, si è conclusa più o meno alle 15.30 a Banthanti, a 2.250 metri di altezza. La pausa pranzo la potete fare ad Hille (1.510 m.) o volendo, un poco più in là, a Tikhedhunga (1.540 m.), ad ogni modo prima di attraversare il ponte sul Bhurungdi Khola e cominciare la scalata di oltre 3000 gradini fino ad Ulleri (2.080 m.)

E’ il primo giorno e siete ancora freschi, suvvia 3000 gradini non sono poi così tanti! :-) Munitevi di grinta ed entusiasmo e cercate di non abbuffarvi troppo per pranzo. Introducete nel vostro organismo giusto quei carboidrati che vi daranno l’energia necessaria per affrontare l’impresa e in men che non si dica sarete già arrivati!

Poon Hill trek

Passato Ulleri, un villaggio di medie dimensioni dove si trova un altro check post dell’ACAP, se le gambe ve lo permettono e la giornata è ancora lunga, continuate pure fino a Banthanti (45 minuti circa), un posticino ben più appartato con ottime viste sull’Annapurna South e sul Machhapuchhare, la mia montagna preferita nonché una delle più spettacolari al mondo!

Diversamente dalle altre cime del massiccio dell’Annapurna – come racconta anche Peter Matthiessen nel suo libro “Il Leopardo delle Nevi” – il Machhapuchhare rimane inviolato, non perché sia impossibile salirci – nel 1957 gli scalatori giunsero a pochi metri dalla vetta – ma perché è proibito raggiungerne la cima: i Gurung lo venerano come montagna sacra e il governo nepalese saggiamente lo conserva in mysterium tremendum.

Per consigli su libri da leggere vedi anche Viaggio in Nepal: letture consigliate

Machhapuchhare Guest House è il nome della teahouse dove ho dormito: 500 rupie per una stanza col bagno e acqua bollente! (NOTA BENE: i prezzi che troverete sui menù, compresi quelli delle camere, vengono regolati direttamente dal comitato manageriale del turismo per cui, a livello di costi, un posto vale l’altro. Quello su cui dovrete puntare sarà più che altro la posizione che più vi aggrada, la condizione della struttura e, perché no, anche la qualità del cibo. Io vi sto parlando di quella che è stata la mia esperienza, ma è ovvio che avendo con voi una guida sarà lui/lei direttamente a suggerirvi una Teahouse piuttosto che un’altra, sempre sulla base di questi presupposti ma facendo riferimento alle sue amicizie/conoscenze personali. Se la guida poi è una guida super, riuscirà anche ad ottenere per voi una stanza col bagno al prezzo di una senza e senza che siate voi stessi a doverla elemosinare!)

Poon Hill trek

Ricapitolando i costi del primo giorno…

-2.000 rupie: taxi solo andata

-300 rupie: una porzione di fried rice ad Hille

-500 rupie: costo della stanza con bagno

-80 rupie: refill di acqua purificata da 1 lt.

-750 rupie: conto totale pagato alla guest house per una bevanda calda, cena (noodles) e colazione a base di pancake e milk coffee

Giorno 2: Da Banthanti a Ghorepani  (Poon Hill)

Tra Banthanti e Ghorepani ci sono solo 2 ore e mezza di cammino e un dislivello di appena 500 metri in salita. Il percorso si snoda attraverso una fitta foresta di querce e rododendri che se fossero stati in fiore chissà che bellezza! Lungo il percorso è quasi sicuro che incontrerete un sacco di gente proveniente dalla direzione opposta, ovvero da Ghorepani: sono quelli che, svegliatisi all’alba per salire a Poon Hill, si sono ora rimessi in cammino e sono ormai quasi giunti al termine del loro trekking.

Poon Hill Trek

Ghorepani si divide in due: Ghorepani bassa (2750 m.) e Ghorepani alta (2870 m.). La maggior parte degli escursionisti tende a trovare sistemazione in quella alta perché, in previsione di svegliarsi prima dell’alba per andare a Poon Hill, si trova già più vicina al sentiero d’ingresso. Si tratta di un punto particolarmente affollato perché nevralgico, dato che qui confluiscono i sentieri dei tre itinerari più battuti della zona: il Poon Hill Trek, l’ABC (Annapurna Base Camp) e l’Annapurna Circuit. Arrivare a Ghorepani in mattinata è fondamentale – soprattutto in alta stagione – se volete accaparrarvi una bella stanza nei lodge migliori.

Poon Hill trek

The Hungry Eye Guest House è stata quella che la mia guida ha scelto per me e di nuovo mi ha fatto avere una stanza col bagno e doccia bollente a sole 400 rupie. Non solo, la vista dalla finestra era pazzesca, il cibo divino e l’ambiente super accogliente. Non da meno, avevo anche la presa della corrente in camera.

Poon Hill Trek

Ora che siete arrivati fin qui e avete ancora tutta la giornata a disposizione potete decidere cosa fare e questo dipenderà molto dal tempo: se il cielo è limpido e si mantiene tale fino alla fine allora potete pensare di pranzare, farvi un giretto nel villaggio e quindi di salire a Poon Hill in tempo per il tramonto. Questo vi risparmierebbe la levataccia del giorno dopo o semplicemente, visto che siete venuti per questo, vi permetterebbe di augurare al sole entrambe le cose, sia la buonanotte che il buongiorno.

Poon Hill Trek

Se invece, come è successo a me, il cielo dovesse all’improvviso coprirsi e le montagne sparire dietro una coltre di nebbia che neanche in Pianura Padana, allora non avrete altra scelta che cazzeggiare fino a sera: pranzate, fatevi un giretto nel villaggio, una doccia, leggetevi un libro, giocate a carte e fate progetti ascoltando le esperienze degli altri escursionisti che nel frattempo avranno riempito le camere della guest house. Con il giungere della sera, vi ritroverete tutti vicino alla stufa in cerca di un po’ di calore.

Ricapitolando i costi del secondo giorno…

-400 rupie: costo della stanza con bagno (il prezzo da listino era 800 rupie ma sempre grazie alla mia guida, senza neanche chiederlo, ho avuto una stanza col bagno al prezzo di una senza. Tenete conto che siamo stati tra i primi ad arrivare)

-80 rupie: refill di acqua purificata da 1 lt.

-1380 rupie: conto totale pagato alla guest house per pranzo (fried rice), due bevande calde, cena (noodle soup) e colazione (honey pancake e milk coffee)

Giorno 3: Da Ghorepani al Lonely Planet Hotel 

Se non siete riusciti a vedere il tramonto a Poon Hill o indipendentemente da quello non volete perdervi neanche l’alba, puntate la sveglia circa un’ora e mezza prima del sorgere del sole, il cui orario ovviamente cambia a seconda della stagione. A me personalmente non è andata tanto male: l’alba a fine novembre era prevista per le 6.32 quindi è bastato svegliarsi alle 5 e mettersi in cammino alle 5.20 per essere in cima alla collina con un tempismo perfetto, appena prima che i raggi del sole cominciassero ad illuminare le cime innevate dei 7000 e degli 8000.

Poon Hill Trek

Poon Hill Trek

(Aperta seconda parentesi: mi è appena capitato di leggere il post di un blogger (tra l’altro molto seguito) che descriveva la camminata a Poon Hill come qualcosa di epico, come un’avventura pazzesca e selvaggia, come se nel buio pesto di una notte solitaria la sua torcia e quelle dei suoi compagni fossero le uniche ad illuminare il sentiero. Scusate, capisco che la sua descrizione possa vendere più della mia ma per favore…ogni mattina ci saranno almeno 200 persone che come le formiche in fila indiana cominciano la scalata alla stessa ora per raggiungerne in tempo la cima e ovviamente ognuna di queste si porta una torcia! State percorrendo uno dei circuiti più famosi di tutto il Nepal e avete appena raggiunto uno dei punti panoramici più belli per vedere l’Himalaya disteso davanti a voi, picco dopo picco. E’ ovvio che non sarete da soli! Chiusa seconda parentesi)

Comunque il panorama è magnifico è vale assolutamente la pena di andare a vedere di cosa si tratta: il Dhaulagiri è li che vi aspetta con i suoi 8.167 metri e vi farà immediatamente dimenticare della fatica appena fatta per arrivare lassù, a 3210 metri.

Poon Hill Trek - Poon Hill

Fatta colazione nella guest house, potete quindi riprendere il cammino in direzione di Tadapani (2.710 m.) e da lì – dove potete fermarvi a pranzare con una magnifica vista sull’Annapurna South, sull’Himchuli e sul Machhapuchhare – proseguire verso Ghandruk (1990 m.).   Mentre la prima parte – un piacevole saliscendi di dislivello contenuto – richiederà poco sforzo sia alle vostre gambe che ai vostri polmoni, la seconda parte, quasi tutta in discesa, comincerà a farsi sentire sulle vostre ginocchia. Se avete con voi dei bastoncini da trekking vi verrà forse comodo utilizzarli.

Non molto dopo la vostra partenza, terminata la scalinata e arrivati in cima ad una collinetta erbosa, non dimenticatevi di voltarvi indietro per godervi l’ultimo grandioso panorama sul Dhaulagiri prima di passare all’altro versante.

Poon Hill Trek

Ora, avevo già intuito di avere una guida sveglia ma solo arrivata alla guest house dove aveva previsto di pernottare, ne ho avuto la prova eclatante: mi disse che ci saremmo fermati prima di Ghandruk, in un punto con una bellissima vista sulle montagne, acqua calda, cibo buono e tutto quello che nei giorni precedenti non mi aveva mai fatto mancare ma lasciò che arrivassimo lì per confessarmi la vera ragione per cui quel posto sarebbe stato cento volte meglio di qualunque altra guest house di Ghandruk. A queste altitudini, nell’autunno dell’Himalaya, la differenza tra sole e ombra è davvero notevole ma quando cadono le tenebre c’è poco da fare, fa freddo ovunque. Sapete allora qual’è l’unica cosa che vorreste sempre trovare nella sala da pranzo di una guest house? La stufa!

L’Hotel Lonely Planet è l’ultima sistemazione lungo il percorso in discesa con una di quelle stufe a legna che vi avranno certamente riscaldato e asciugato le cose nei giorni precedenti; a Ghandruk non è permesso averle per cui, se deciderete di andare oltre, preparatevi ad avere molto più freddo! Partendo da Ghorepani verso le 8.30 arriverete all’Hotel Lonely Planet per le 14.30, calcolata un’ora di pausa pranzo.

Poon Hill Trek

Ricapitolando i costi del terzo giorno:

-5o rupie: ingresso a Poon Hill

-80 rupie: refill dell’acqua purificata da 1 lt.

-450 rupie: pranzo a Tadapani a base di momo

-300 rupie: costo della stanza (bagno in comune)

-1.000 rupie: conto pagato alla guest house per una bevanda calda, cena (veg curry with rice) e colazione (pancake e milk coffee)

Giorno 4:Dal Lonely Planet Hotel a Pothana

Ghandruk è il secondo insediamento gurung per dimensioni del paese. Passando di lì al mattino è probabile che incontrerete decine e decine di studenti che dai villaggi vicini, già reduci dall’aver salito un migliaio di scale , si recano a scuola. Li incontrerete scendendo verso il fiume, una discesa ripida che raggiunge il corso del Modi Khola costeggiando campi e abitazioni rurali.

Poon Hill Trek

In molti da Ghandruk fanno ritorno di nuovo a Nayapul dove troveranno un trasporto per Pokhara, risparmiando così un giorno di trekking. Se avete tempo a sufficienza però vi suggerisco caldamente di proseguire l’itinerario. Perché infatti non spendere una notte in più nella tranquillità di questi paesaggi? Arrivati al fiume, che si trova a 1.315 metri di quota, risalite quindi la scalinata fino a Landruk (1620 m.) da dove il sentiero procede dolcemente fino a Tolka (1790 m.).

Poon Hill Trek

Dall’Hotel Lonely Planet a Tolka sono circa tre ore di cammino: partendo tra le 8 e le 8.30 dovreste quindi arrivare a destinazione massimo alle 11.30 e lì fermarvi per il pranzo. Superata Tolka le soluzioni per mangiare sono troppo lontane e inoltre vi servirà una buona dose di energia per affrontare l’ennesima salita verso Deorali (2.150 m.) Godetevi il paesaggio che cambia con l’altezza, i magnifici terrazzamenti coltivati a riso e senape, la vita nei villaggi…

Poon Hill Trek

Poon Hill Trek

Arrivati a Pothana (1.990 m.) verso le 15.00 – da Tolka sono circa due ore e mezza di cammino – non vi rimane altro da fare che cercare una sistemazione. A tal proposito vi posso consigliare il See You Lodge, il primo che si incontra entrando in paese: camere dal gusto originale, bagno esterno ma sempre con doccia bollente, sala da pranzo accogliente, insomma, niente di cui lamentarsi!

Poon Hill trek - See You G.H.

Riassumendo i costi del quarto giorno:

-300 rupie: pranzo a Tolka a base di fried rice

-300 rupie: costo della stanza

-70 rupie: refill di acqua purificata da 1 lt.

-900 rupie: conto pagato alla guest house per una bevanda calda, cena (momo) e colazione (pancake e milk coffee)

Giorno 5: Da Pothana (Australian Camp) a Pokhara

Avrei tanto voluto svegliarmi al mattino con la vista del Machhapuchhare – la montagna a “coda di pesce” – per salutare in bellezza queste immense montagne ma ahimè la nebbia era talmente fitta che purtroppo questa volta non è stato possibile. Da mostrarvi non ho mie foto ma ne prendo comunque una da internet per non lasciarvi con la curiosità di sapere come sia la vista dal cosiddetto Australian Camp. Io sicuramente dovrò tornarci! :-)

Poon Hill Trek - Australian camp

L’Australian Camp, un’agglomerato di strutture turistiche situato in cima ad una collina erbosa, dista da Pothana non più di una mezz’oretta. Usciti dalla guest house non dimenticatevi di passare dal punto di controllo dell’ACAP per mostrare i vostri permessi e fare si che registrino la vostra uscita dall’Annapurna Conservation Area.

Da questo momento il percorso sarà tutto in discesa per cui preparate le vostre ginocchia a soffrire un pochino. A seconda della velocità (io ho fatto quasi tutte le scale di corsa) ci si impiega circa due ore e mezza per raggiungere Phedi dove, o ci sarà ad attendervi il taxi preventivamente organizzato con la vostra agenzia (1.200 rupie), o potrete aspettare un bus che faccia ritorno a Pokhara. Il tragitto in auto è di circa 45 minuti.

Questa giornata di trekking è in realtà una mezza giornata che vi permetterà di essere a Pokhara intorno a mezzogiorno o al massimo nel primo pomeriggio, giusto in tempo per un pranzo vista lago e un bel massaggio ristrutturante! Il mio posto preferito per mangiare, non ho dubbi, è stato il Rest Point Cafè con un graziosissimo giardinetto/terrazza sul lago, ottimo cibo e prezzi super contenuti.

Ricapitolando i costi del quinto giorno:

-1.200 rupie: costo del taxi da Phedi a Pokhara

A questi vanno aggiunti:

-25$ al giorno per il servizio guida che tradotti in rupie con il cambio di novembre ammontavano ad un totale di 13.500 rupie

-1.000 rupie: costo della TIMS

-2.000 rupie: permesso di ingresso all’Annapurna Conservation Area

-200 rupie circa: acquisto snacks e acqua prima della partenza

-2.000 rupie: mancia per la guida che io ho calcolato al 15% circa del suo costo complessivo

Totale speso per cinque giorni e quattro notti: 28.840 rupie che corrispondono a circa 265 $. Considerate sempre che ero da sola ma se fossi stata con un’altra persona, dividendo il costo della guida, del trasporto e della stanza ne avrei spesi circa 180. Che dite, si può fare? 

Informazioni utili

Dove dormire a Pokhara: The Little Tibetan Guest House

Tel: (00977) – 9846026166 / (00977) – 61461898

1.000 rupie a notte per una stanza doppia uso singola, ottima pulizia, acqua calda a partire dal pomeriggio perché funziona con i pannelli solari; un’oasi di pace a due passi dal lago dove spesso si ritrovano i monaci in preghiera; colazione non inclusa ma ottima; possibilità di refill di acqua purificata per sole 10 rupie.

Da Pokhara a Kathmandu : Explore Pokhara Travels

Tel: (00977) – 9856031440 / (00977) – 61467050

Ogni giorno alle 7.30 partenza dal Tourist Bus Park. Bus comodi, puliti e con connessione wi-fi (che funziona più che altro quando il bus è fermo o in coda). I biglietti si possono prenotare in qualunque agenzia/guest house di Pokhara al costo di 700 rupie.

Tags :
Previous post link
Next post link

About Sonia Sgarella

Viaggiatrice. Determinata a far conoscere il mondo agli altri con passione ed entusiasmo, dedicando impegno, ricerca e studio ai luoghi che più ama.

3 Comments

  1. ciao, grazie mille per la descrizione dettagliata. posso chiederti la dimensione dello zaino con cui hai fatto il trekking???

    • Ciao Marco, io ho usato un 35 litri! Se ti serve il contatto della guida scrivimi pure in privato alla pagina fb! Altre persone sono state con lui e si sono trovate benissimo! ;-)

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Scroll To Top